Mediterraneo Taranto, Pallanuoto under 18: impresa sfiorata

Mediterraneo Taranto, Pallanuoto under 18: impresa sfiorata

Sfida contro la Waterpolo Bari nella finale del Campionata Interregionale

 

Impresa sfiorata per un soffio. Anzi per un gol. Quello che ha fatto la differenza tra Waterpolo Bari e Mediterraneo Taranto nella finale del Campionato Interregionale (Puglia, Calabria, Basilicata), di Pallanuoto Under 18.

10-9 il finale nella Piscina Comunale di Potenza. I ragazzi di Francesco Carbonara, comunque, non hanno nulla da recriminare. Anzi. "Hanno giocato bene, benissimo – dice il coach – faccio i complimenti a tutti per l'impegno, la passione, l'agonismo. Non potevamo fare di più contro un avversario che ha mezza squadra che gioca nel campionato di serie B e che abbiamo affrontato avendo a disposizione un roster di soli 11 elementi di cui 3 under 14, due dei quali costantemente in acqua".

Formazione rimaneggiata, ranghi ridotti, qualche rientro non al cento per cento e, infine, un'espulsione pesante per somma di falli. Eppure non è stata una gara a senso unico. Continui ribaltamenti di fronte, sorpassi e controsorpassi, hanno reso la partita avvincente e incerta sino alla fine.

Per la Mediterraneo Taranto la giornata si era aperta sotto i migliori auspici con una vittoria netta in semifinale sulla Iron Conversano: 15-9. "Abbiamo condotto il gioco dall'inizio alla fine – commenta Carbonara – ed abbiamo avuto la gara sempre sotto controllo. Forse ci siamo un po' risparmiati per la finale: sapevamo che sarebbe stata dura. Faccio di nuovo i complimenti a tutti i ragazzi, siamo sulla strada giusta per ottenere risultati sempre migliori".

Anche il direttore sportivo della Mediterraneo Sport, Massimo Donadei non lesina parole di elogio per Carbonara e per i suoi eroici ragazzi. "Vincere la finale sarebbe stata una vera impresa, averla giocata come hanno fatto questi ragazzi è encomiabile ed è un risultato che ci incoraggia a continuare con impegno e passione".