Picerno-Lavello si è giocata su un campo non omologato?

Picerno-Lavello si è giocata su un campo non omologato?

Non si placano le schermaglie relative al derby lucano giocato allo stadio Alfredo Mancinelli di Tito: secondo i gialloverdi le dimensioni dell'impianto sarebbero irregolari

 

Pare non essere ancora terminata la coda polemica relativa alla gara tra Picerno e Lavello dell'11 aprile scorso, conclusasi sul campo col punteggio di tre ad uno in favore di Zito e compagni.
La società gialloverde aveva immediatamente presentato un ricorso avverso all’esito emerso dal rettangolo di gioco (RG 221/CSA/2020 – 2021), a causa delle dimensioni irregolari, a proprio dire, dell’impianto di Tito, lo stadio Alfredo Mancinelli, nel quale il Picerno ha disputato numerose gare della stagione in corso.

In data 4 giugno la Corte Sportiva D’Appello Nazionale III Sezione, attraverso apposita ordinanza, ha disposto che il Dipartimento Interregionale LND debba confermare se nelle more della conclusione del procedimento di riomologazione e in assenza di provvedimenti di revoca della pregressa omologazione, il campo da gioco in oggetto risulti regolare ai fini dello svolgimento della gara.

Di seguito lo stralcio finale del documento, il testo integrale può essere reperito cliccando qui